Tre FALSI MITI sulla stampante laser che ti stanno costando UN MARE DI SOLDI!

jim-tegman-1456975-unsplash

“Il momento di passare al LASER, ora è.”

Maestro Yoda

A decine. Ogni settimana.
Così tanti sono i clienti che mi trovo a istruire su quanto sia antieconomica la stampa a inchiostro in moltissimi casi.

Sia per privati, che per professionisti e uffici.

La diffusione massiva delle stampanti inkjet nelle case e sulle scrivanie è dovuta a un mix di fattori. Ormai ho maturato una grande esperienza nel settore, e conosco sia le dinamiche commerciali che quelle tecniche alla base di questa diffusione.

Se sei un convinto sostenitore della stampa a inchiostro, segui il mio blog perché imparerai quali trucchetti di marketing, quali abitudini sbagliate e quali “bug cognitivi” sono al lavoro per spillarti soldi giorno dopo giorno, pagina dopo pagina, senza che tu te ne renda minimamente conto.

In questo articolo ti parlerò di TRE FALSI MITI che affliggono moltissimi utenti, ti sfido a dirmi che non hai mai creduto a nessuno di essi. E vediamo come da ECO STORE RAVENNA sfatiamo queste convinzioni fuorvianti:

1. “Le stampanti laser costano troppo, per le famiglie.”

Una famiglia deve sostenere una serie di costi. Ha delle entrate precise. È composta da vari membri con ruoli diversi. Se la guardi bene, la famiglia è un’azienda. E come ogni azienda, per evitare sprechi di soldi e risorse è bene che gli acquisti di una famiglia sia fatti con saggezza e lungimiranza.
Quando fai la spesa per la tua famiglia cerchi di concludere un affare ogni volta che metti un prodotto nel carrello. Cerchi l’offerta del momento, il prezzo al chilo più basso, il sottocosto da fuori di testa. Spesso devi comprare una quantità maggiore di biscotti, detersivo, pasta o pannolini per accedere al prezzo migliore, come nel caso del sempre amato 3×2 o del mitologico 2×1. Significa che se tu comprassi quantità minori e più spesso, alla fine del mese pagheresti molto di più per la stessa quantità complessiva di prodotto.

La confezione grande è sempre la più conveniente, sul lungo periodo.

Nel mondo delle stampanti vige lo stesso principio. Il costo vero per una famiglia o un professionista non è il prezzo di acquisto della stampante, ma il costo delle cartucce che comprerà per gli anni a venire.
Ed ecco la prima grande verità: la stragrande maggioranza delle cartucce a inchiostro più diffuse ha poco inchiostro dentro. Significa che dovrai comprarle più spesso, infatti molti clienti che non pensano a questo aspetto si lamentano che “Le cartucce finiscono subito!” ed hanno ragione.
I toner delle stampanti laser invece durano parecchio di più. Non esiste un toner che duri meno di 1.000 pagine (più spesso 2.000 o 3.000 pagine), mentre il 95% delle cartucce a inchiostro non arriva a 500 pagine neanche da lontano. Stampare 1.000 pagine a inchiostro è MOLTO, MOLTO PIÙ COSTOSO che stampare 1.000 pagine con i toner della stampante laser. E siccome si esauriscono più in fretta, devi anche uscire a comprarle più spesso: traffico, benzina, parcheggio, tempo. Altri costi che si moltiplicano se campi a inchiostro. Specialmente per un professionista, il tempo è denaro!
Aggiungo un altro elemento: nel mio negozio ti rimborso al 100% il prezzo della stampante, con Buoni Sconto che potrai scalare dai toner. Quindi scegli la migliore stampante laser per le tue esigenze con serenità. Nessun portafogli sarà ferito per questo acquisto. Anche perché i prezzi di acquisto delle stampanti laser sono scesi moltissimo, negli ultimi anni.

2. “Le stampanti laser vanno bene solo per chi stampa molto.”

Ma quando mai?
Sento spesso dire “Ma io la uso per casa, per i figli, e solo ogni tanto. A volte non stampo per settimane. Non sono mica un’azienda.”

Ti rivelo una grande verità: le stampanti a inchiostro vanno usate SPESSO o le cartucce SI SECCANO. Gli inchiostri tendono ad asciugarsi, perché sono a base di acqua. (Anche se non oso domandarmi cosa contengono i misteriosi “bottiglioni” di inchiostro o le cartucce di marche sconosciute che si trovano online a prezzi clamorosamente inferiori al normale. Se riescono a guadagnarci vendendo roba al 10% del prezzo normale, qualche sospetto è salutare averlo).

Se lasci una cartuccia inutilizzata per molti giorni di fila, hai forti probabilità di far seccare l’inchiostro al suo interno. Soprattutto quando arrivano i primi caldi.  Ancora di più se la stampante è vicina per forza di cose a una fonte di calore (termosifone) oppure baciata dal sole. Dovresti ricordarti di stampare ogni settimana, ma chi ce la fa? Se sei un utilizzatore non assiduo della stampante, non riuscirai mai a forzarti a usarla più spesso. Ho migliaia di clienti, e non ci riesce nessuno.

Non è un caso se ogni anno, a settembre quando riaprono le scuole, in negozio assisto ad un genocidio di cartucce inkjet rinsecchite e inutilizzabili. Arrivano a camionate. Non le possiamo nemmeno ricaricare, perché SONO PIENE MA INUTILIZZABILI. Significa che quello che hai speso per la tua cartuccia a inchiostro, poco o tanto che sia, l’hai buttato. Potevi prendere i soldi e lanciarli nel camino. Almeno ci facevi un barbecue.
Ecco la differenza sostanziale tra inchiostro e toner: il toner è una polvere, non può “seccarsi” più di così quindi non invecchia mai. Puoi lasciare ferma la tua stampante laser per sei mesi, andare nella casa al mare, e quando torni quella stamperà bene come il primo giorno.
I tuoi figli non stampano per un mese? Chettifrega, quando ne avranno bisogno di nuovo non avrai problemi. E ogni euro speso in un toner è sfruttato fino alla fine, senza il rischio di doverlo buttare via prima che sia esaurito per davvero.

3. “Le stampanti laser FANNO MALE.”

Partiamo da una fonte autorevole, l’agenzia svizzera SUVA che si occupa di sicurezza sul lavoro, e dal suo report di 110 pagine sulla salute in ufficio.

Riassumendo, se la stampante è usata in condizioni normali non c’è alcun rischio per la salute. Basta stare ai consigli per l’utilizzo raccomandati dal costruttore, e sostituire i catafalchi vecchi di trent’anni con macchine moderne. Evita di piazzare la bocchetta di fuoriuscita dell’aria verso la tua faccia, e non stampare moli smodate di pagine oltre le quantità massime indicate. Oltre a questo, io raccomando sempre un economico e utilissimo filtro per stampanti laser, tanto per stare ancora più tranquilli. Ne tengo sempre, in negozio.

Devo dire che il vero rischio per la salute è usare toner “sospetti” comprati chissà dove a prezzi miracolosamente bassi. La possibilità che si rompano e perdano polvere ovunque è inquietante. Dai un’occhiata a questo articolo per approfondire l’argomento.

Ovvio che nulla è possibile contro certi casi di imbecillità conclamata.

“Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi.”

Albert Einstein

Anche con una penna a sfera un’idiota che si impegna può farsi male, altro che stampante laser.
Quando compri una stampante laser nel mio negozio ricevi una serie di suggerimenti e raccomandazioni che servono a due cose:

  1. Far durare nel tempo la tua stampante.
  2. Evitarti problemi al tuo lavoro e alla tua salute dovuti ad uso improprio della macchina.

Perché è così che ci piace lavorare: in modo professionale e responsabile. Fai tesoro dei nostri consigli e potrai usare per anni la tua nuova stampante laser senza alcun problema. Se hai dubbi, basta un colpo di telefono in negozio.

Ora sai che spesso le stampanti inkjet non sono il grande affare che sembrano. La loro convenienza è soprattutto “teorica” ma nella realtà di tutti i giorni ho verificato che 9 clienti su 10 risparmiano parecchio su base annua quando passano da stampante a inchiostro a stampante laser. E una bella multifunzione laser con WiFi è ormai alla portata di chiunque, grazie ai nostri Buoni Sconto.

Non ti resta che chiamarci cliccando qua

oppure

Scriverci cliccando qui

e trovare la migliore stampante laser per le tue esigenze, a casa o in ufficio. Che ne dici di provare?

“No! Provare no! Fare, o non fare! Non c’è provare!”

Maestro Yoda

Un pensiero su “Tre FALSI MITI sulla stampante laser che ti stanno costando UN MARE DI SOLDI!

  1. Simo Sasa

    kyocera p3065, toner da 25k che costa 30 euro per il laser e stampante a 550 euro dal rivenditore, epson wf 2630 ink jet, cartucce da 1 euro…..la differenza è che la ink jet non devi superare le 3 risme al mese, l’altra ne fai anche 70 senza problemi…per questi due modelli intendo.

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.